Beat On Rotten Woods: il nuovo video di ‘Spaces’ in gara a Cortinametraggio

Superattivi nei live, dove si presentano con una formazione rinnovata che li vede suonare insieme ai The Lumberjacks From Hell, i Beat On Rotten Woods stanno riscuotendo consensi anche con il loro nuovo videoclip.

‘Spaces’, diretto da Matteo Prodan del collettivo Sonicyut, è tra i 21 finalisti di Cortinametraggio, il festival dedicato al meglio della cinematografia breve italiana, che si terrà a Cortina dal 19 al 25 marzo 2018, ideato e diretto da Maddalena Mayneri.

Formati a Trieste nel 2013, Beat on Rotten Woods sono Mace (voce, beatbox) e Rob (chitarra, backing vocals) e mischiano suggestioni hip hop e industrial a grunge, stoner e blues: un sound consciamente essenziale, ma in procinto di diventare unico, portato sul palco con grande sicurezza e capacità performativa.

Leggi qui la nostra intervista: http://freezine.it/2016/10/intervista-ai-beat-on-rotten-woods-quando-il-beatbox-incontra-il-rock/

Metallica: a Torino il tributo a Vasco con ‘C’è chi dice no’

Sabato 10 febbraio i Metallica di James Hatfield hanno suonato ‘C’è chi dice no’ di Vasco Rossi a Torino in un Pala Alpitour sold out. Un tributo inaspettato che manifesta la forte stima da parte dei membri del gruppo di Los Angeles nei confronti del rocker di Zocca. I Metallica si esibiranno il prossimo 12 e 14 Febbraio all’Unipol Arena di Bologna.

#metallica#cover#vasco#turin#palaalpitour#cèchidiceno

A post shared by Le Vigneron Cafe' (@del_gianca) on

Rock Camp Trieste, il festival si allunga con il pre-party per gli Iron Maiden

Dopo il successo delle prime due edizioni ritorna il Rock Camp, il festival rock/metal organizzato dall’associazione Rock Out X Project in programma da venerdì 13 a lunedì 16 luglio a Trebiciano sul Carso ad ingresso gratuito.
Novità di quest’anno, l’evento si allunga da tre a quattro giorni con la giornata di lunedì 16 luglio interamente dedicata agli Iron Maiden, che si esibiranno live a Trieste la sera successiva martedì 17 luglio.

Rock Camp 2017, (C) Francesco Chermaz

Altra novità di quest’anno è l’aggiunta di un secondo palco al fine di combattere la calura estiva a salvaguardia dei fans e delle band che si esibiscono nel pomeriggio. Sarà allestito al fresco e all’ombra, nel bel mezzo della pineta, mentre il palco principale verrà utilizzato solamente per le ultime esibizioni serali.

Rispetto agli anni precedenti, la formula resta invariata: una cinquantina di band dal vivo, spettacoli, dj set, attività collaterali (rock n’ dogs, tiro con l’arco, ecc…), zona ristoro super fornita e piscine per grandi e bambini, grigliate e birra a volontà. Le porte apriranno venerdì 13 luglio a mezzogiorno, quando partirà uno ‘spara tutto’ di musica, spettacoli e manifestazioni di 92 ore continuate di festa che durerà fino all’alba di martedì aspettando il concerto degli Iron Maiden.

Le selezioni per le band sono ufficialmente partite, è possibile inviare le candidature via mail a:

rock.camp.music.festival@gmail.com

Alla cortese attenzione di Linus Rock e Max Barze.
Allegando link audio video e presentazione della band / artista.
https://www.facebook.com/rock.camp.summer.music.festival/

https://www.facebook.com/groups/rockcampsummermusicfestival/

https://www.facebook.com/rockoutxprojet/?fref=ts

Methedrine: in arrivo il primo Ep su Kornalcielo Records

Pessime nuove per il mondo: nei primi mesi di questo 2018 Kornalcielo Records pubblicherà ‘Built For Speed’, il primo Ep dei Methedrine. Formata da gente che suona o ha suonato con Upset Noise (tra i primi a dare forma al crossover hardcore punk/metal nella scena italiana ed europea), Eu’s Arse (altro nome storico del punk hardcore), Tytus e Daltonic Out Cry, la band ha registrato quattro tracce di hardcore old school, con influenze che vanno dal thrash metal al d-beat e una spina dorsale fatta di sano e sporco rock’n’roll.

Tracklist:
1. Youporn Generation
2. Alpha Loser
3. Dirty Harry
4. War machine

Methedrine:
Lou – Vocals
Mark – Guitar
Trampax – Guitar
Chainsaw – Bass
Bone – Drums

Myrkur: l’inarrestabile ascesa della ‘strega’ che viene dal Nord

Che sia una strega oppure, come vanno sostenendo molti dei suoi haters, una furbacchiona di tre cotte, un fatto è certo.
Myrkur, nome d’arte di Amalie Bruun, classe 1986, cantante e polistrumentista di Copenhagen, sta sbaragliando tutte le classifiche mondiali di fine anno.

Dopo l’#8° posto nella classifica dell’ ‘Indipendent’, che però non è una rivista specializzata, sale direttamente sul podio di Metal Hammer. Tra i 100 Best Albums 2017 il suo ‘Mareridt’ (Relapse Records, 2017) si piazza infatti al secondo posto, subito dopo i Mastodon e immediatamente prima dei Code Orange.

Ma chi era Amalie prima di diventare Myrkur?
Figlia d’arte- il padre Michael Bruun è un noto cantautore e produttore danese-, nel 2008 si trasferisce a New York, dove suona con vari gruppi della scena indie locale e lavora come modella.
Nella Grande Mela conosce anche il suo fidanzato Brian Harding (Hymns) e formano gli Ex Cops, pop punk duo salito alla ribalta per la sua polemica contro la McDonalds, accusata di averli chiamati a suonare al SXSW festival…gratis.

Rientrata nella ‘sua’ Copenhagen, con il nome di Myrkur debutta per Relapse con ‘M’ (2015), disco lanciato come black metal mescola in realtà ambient, post rock-shoegaze e folk scandinavo. Segue un tour molto tormentato tanto che, come lei stessa ha raccontato in molte interviste, le ha ispirato anche l’ultimo lavoro, il cui titolo ‘mareridt’ in danese significa appunto ‘incubo’.

Da allora, Myrkur non si è più fermata: tutti la vogliono, anche in Italia. A nemmeno un mese di distanza dalle date di Milano e Bologna con i Solstafir, è già confermata come ospite al prossimo Colony Summer Fest, che si terrà a Brescia il 21 e 22 luglio.

Hc Underground Trieste @Il Posto delle Fragole Sabato 25.11! Intervista a Davide e Lorenzo ‘Cimaz’

Hardcore Underground Trieste al Posto delle Fragole sabato 25 novembre! Una serata all’insegna dell’italian hardcore con live di Mucopus Torino + Rage Cage + Hittin’ Random, la mostra di manifesti e dj-set! L’evento, organizzato in collaborazione con la Cooperativa Sociale ‘La Collina’, è ad ingresso up to you a partire dalle ore 21. 
Ci raccontano meglio com’è nata l’idea Davide HC Vossini, anima di Hardcore Underground Trieste fin dalla sua nascita nel 2012, e Lorenzo ‘Cimaz’ Cimador, autore dei manifesti in esposizione.

[Davide] Ci sono già degli appuntamenti al ‘Posto delle Fragole’ con dei concerti-mostra, è molto meno palloso di una mostra e più interessante di un concerto, se la musica magari non ti piace.. dunque questa idea geniale l’ho rubata! Ho chiesto a Lorenzo l’ennesima collaborazione per una mostra delle sue grafiche, insieme si vince!

Lorenzo e Davide di Hardcore Underground Trieste con Lucio Drusian (Upset Noise)

Tanti i gruppi hc italiani che hanno fatto scuola, oggi quella scena che cosa rappresenta? E’ ancora importante?
[Davide] Rappresenta il messaggio diretto, il cantato italiano ti arriva direttamente nel cervello e te lo apre in due. Per me è molto importante, è proprio per questo che continuo ad organizzare questi incontri punk, per ritrovare i vecchi amici, conoscerne di nuovi, scambiare esperienze e condividere ricordi e fare dei selfie stupidi, la cosa funziona, per qualche ora ci ritroviamo per esprimere noi stessi, senza regole. Lorenzo, di’ la verità, hai mai visto un casino come per i RAW al Tetris? 😉 Il flyer che hai fatto per loro rasenta l’assoluto!

RAW., Vivere Merda @Tetris, Trieste, 12.5.2016

Parliamo dei vostri flyer che sono piuttosto riconoscibili, che cosa ci raccontate?
[Lorenzo] L’autore sono io,  non sono un grafico di professione, nella vita faccio tutt’altro di mestiere. Quando Davide mi contattò per il primo concerto di HCUTS alla Casa delle Culture di Trieste decidemmo di fare qualcosa di diverso rispetto le grafiche hardcore in circolazione. La promozione di un evento oggi passa in prevalenza per internet, per questa ragione la grafica è ridotta ad un banner visualizzabile su PC o smartphone. Davide voleva qualcosa di assolutamente old school che conservasse lo spirito del punk DIY originale, ma allo stesso tempo consentisse la divulgazione tramite la rete. L’ispirazione principale mi è venuta dai vecchi volantini cartacei della scena punk/hardcore anni ’80. Generalmente erano delle semplici fotocopie realizzate con fotografie ritagliate, disegni, loghi fatti a mano. Nella loro semplicità conservano tutt’ora un grande fascino. La scena punk inglese della fine degli anni ’70 faceva largo uso di immagini di propaganda della Seconda Guerra Mondiale. Immagini tipiche erano persone che indossano maschere antigas nella quotidianità.

Da qui è nata l’idea delle maschere antigas che è presente in tutti i manifesti di HCUTS, quasi una sorta di vostro marchio di fabbrica’?
[Lorenzo] Sì, esatto. Il primo flyer di HCUTS ritrae una famigliola felice al mare, in costume da bagno con la maschera antigas. Il concerto alla Casa delle Culture andò piuttosto bene e da allora le maschere antigas nei flyer sono diventate un portafortuna!
[Davide] Prende spunto dai Wretched, anche se in realtà le nostre maschere si ispirano di più ai Sodom e Sacred Reich!
[Lorenzo] In realtà esistono solo quattro manifesti realizzati per HCUTS senza maschere antigas!

Eus’Arse, Disperazione-Nevrotica, Minoranza Di Uno @CdC, 19.1.2014, artwork by Lorenzo  ‘Cimaz’ Cimador

Quali sono?
[Lorenzo] Lascio il compito di scoprirlo ai più curiosi ed attenti!
[Davide] Siete tutti invitati, nessuno escluso, anche perché non ho mai visto una mostra-concerto hardcore, lasciate i cani a casa, il territorio è riservato a ‘Max’.

Di tutti i flyer che hai realizzato per HCUTS a quale sei più legato?
[Lorenzo] Penso il flyer per il live dei Discharge a Mortegliano. E’ sicuramente il flyer per cui ho ricevuto più apprezzamenti dalla scena hardcore. Dal punto di vista tecnico è anche uno dei più complessi tra tutti quelli che ho realizzato.

Discharge @Festintenda-Mortegliano, artwork by Lorenzo ‘Cimaz’ Cimador

L’esperienza di HCUTS ti ha fatto conoscere anche fuori dal contesto locale?
[Lorenzo] Sì, ho collaborato con varie realtà hardcore/punk italiane. Tra i progetti più importanti la realizzazione delle nuove t-shirt degli Upset Noise e il cd per lo split degli Anti Slaughter/Genocidio Chimico.

E fuori dal genere prettamente hardcore/punk?
[Lorenzo] Ho fatto flyer per vari eventi, copertine cd, libri, t-shirt e merch vario. Ho collaborato con gli americani Mentors, con i Damned Pilots e molte altre band, triestine e non. In effetti in HCUTS sono quello meno hardcore e più metal! Scherzo anche perché per HCUTS hanno suonato nel corso degli anni anche band con influenze metal come Hobos o band grindcore come Death On/Off, Corporation Of Consumption e Culto Del Cargo.

Quali band porterete al Posto delle Fragole?
Ci saranno i Mucopus da Torino, città che ha dato i natali a tanti gruppi storici della scena nazionale come Indigesti, Nerorgasmo, Negazione, etc… Si rifanno al più classico hardcore italiano degli anni ’80. Poi per la prima volta a Trieste Rage Cage, hardcore old school d’ispirazione newyorkese.. e gli Hittin’ Random direttamente dalla Venezia Hardcore Crew, giovane band fautori di un hardcore veloce e tirato, tutto da pogare.
[Davide] Grazie a Facebook posso contattare direttamente gli artisti, invitarli o, come a volte succede, essere contattato direttamente da loro e arrivare ad un accordo in una soluzione amichevole. Cerco una location adatta, procuro la strumentazione, il catering, le birre, cerco un B&B, garantisco il rimborso con il mio stipendio, ‘facile, vero’? Comincio a fare sempre tutto da solo, tranne che per i concerti al Festintenda dove siamo in più persone, ma non appena tutto è pronto trovo sempre qualche bischero pronto a darmi una mano, per fortuna c’è un grande uomo che mi stampa i flyers, ovviamente provvedo io alla distribuzione per la città. C’è chi mi presta parte della strumentazione, chi cucina, chi da disponibilità, chi non fa un cazzo e si fa bello col mio sederino tatuato, c’è chi mi aiuta insomma senza retribuzione, salvo in qualche caso, per fortuna raro! Come sempre suoneranno i migliori gruppi dell’hardcore punk contemporaneo. Non faccio distinzioni, tutti i gruppi e tutte le persone che partecipano alle feste HCUTS sono delle persone leali, affidabili e genuine, gli altri… ok, lasciamo stare…non gliele mando a dire!

Hittin’ Random

Quando invece è iniziata l’esperienza di HCUTS? Qual è stata la ‘molla’ che vi ha spinto ad iniziare?
[Lorenzo] Tutto è nato alla fine del 2012 da un’idea di Davide. Trieste pur avendo una scena hardcore/punk piuttosto attiva da almeno 15 anni non aveva più ospitato live di gruppi storici della scena italiana. Da questa esigenza Davide ha iniziato a darsi da fare per realizzare questo progetto. Dal 2013 ad oggi hanno suonato per le feste HCUTS: Eu’s Arse, Warfare, Raw Power, Diserzione, C.G.B., Digos Goat, Bloody Riot, Blue Vomit, Crash Box, Maze, Fall Out, RA.W, Indigesti, Yes, We Kill! A New Scar, Bloody Riot etc…più diverse collaborazioni con altri organizzatori e promoters per Adolescents, Discharge, Sewage NYC per trovare location, bands di supporto e strumentazione. Lo spirito di base nel corso degli anni è rimasto lo stesso: fare festa con la musica che piace a noi e divertirsi tra amici senza pretese di alcun genere.
[Davide] Volevo qualcosa di speciale per il mio 40esimo compleanno, portare a casa i gruppi che ascoltavo da ragazzo, scoprire che fine avevano fatto gli amici di allora. Da una richiesta degli Eu’s Arse per una data (sì, proprio a me), sono nati i matinée la domenica alla Casa Delle Culture…Ho semplicemente chiesto agli occupanti: ‘Facciamo un concerto hardcore domenica pomeriggio? Una matinée come fanno in America?’

Quali sono state le principali difficoltà all’inizio?
[Davide] – Di nessun tipo, è da 30 anni che vado ai concerti e ho sempre risolto tutto al meglio. Se c’è stata qualche complicazione..? Ok, una sola, trattare il rimborso con i gestori della location o qualche malinteso…chiedo scusa ai gruppi che han dovuto partecipare a questa complicazione, che mi ha costretto anche all’annullamento di qualche data, non è stata colpa mia, fare da mediatore è una rogna!

Quali invece i concerti che ricordate con più soddisfazione?
[Davide] Gli Adolescents e la collaborazione con lo staff del Festintenda di Mortegliano, triestini e friulani uniti assieme per una grande festa punk sotto il magico tendone giallo-blu.
[Lorenzo] In generale tutti i live sono stati buoni sia come partecipazione di pubblico che qualità delle band. Personalmente i live che mi sono rimasti di più nel cuore sono quello dei Diserzione alla Casa delle Culture da cui è stato tratto un live bootleg e gli Svetlanas al Tetris. Il batterista suonò con 39 di febbre, mezz’ora di set memorabile! Farei un torto se non citassi dei gruppi storici anche i live dei C.G.B., Digos Goat, Raw Power, Bloody Riot, Indigesti, Fall Out, Blue Vomit, Warfare, Eu’s Arse, No Limits. Delle band più recenti: Straight Opposition, Round7 HC, Definite, Golliwog, Vivere Merda, Spavaldery, Carlos Dunga, Call The Cops, Vocazione HC, Vetro, Nervous HC, Anti Slaughter, Yes, We Kill!, RA.W., Minoranza Di Uno,  Because The Bean, The Nutries,  Mordax, Daltonic Out Cry, Ämbonker, North-East Rebel, Vecchia Scuola Trieste HC, Sisma, Furgone.

RA.W. @Tetris, Trieste, pic by Andrea Stoppa

Qualche aneddoto, situazione particolare capitata ai vostri concerti?
[Davide] Troppo personali per confidarli a tutti! Ho fatto uno stage diving col materassino di gomma, ho duettato con il cantante degli Upset Noise, cantato con Andrea Bregant e Zillo dei Diserzione con Lo Zambo alla batteria! Ho conosciuto Roger, Boffo, Ezio Punk, Rumori in Cantina, Professional Punkers, Gorizia Hardcore, Dezo e Il Monta, abbiamo festeggiato con Baudo, Pier, Lele Pera, i Genitori di Zak, Il Fioraio…potrei andare avanti per ore, 23 concerti, mica cazzi!
[Lorenzo] Ricordo due ragazzi che alla fine di ogni concerto di HCUTS andavano a caccia dei manifesti per appenderli nella propria stanza. Le stesse cose che facevo io quando avevo vent’anni. Non avrei mai pensato che un giorno un mio manifesto potesse finire appeso in casa di qualcuno.

Adesso il contesto è abbastanza difficile innanzitutto per la mancanza di spazi, come vedete la situazione a Trieste?
[Davide] Mancanza di spazi? Gli spazi ci sono, basta bussare, entrare e prendere lo spazio, lo spazio è un tuo diritto ma te lo devi meritare!
[Lorenzo] La situazione attuale non è certamente rosea. Alla fine degli anni ‘80 era decisamente peggio, se c’era anche un solo concerto hardcore/punk o metal ogni due mesi era già tanto. Quello che è sempre mancato sono gli spazi adeguati, non mi riferisco a palazzetti da decine di migliaia di spettatori ma anche semplici club come esistono in altre città che possano ospitare anche un massimo di 300 persone. Da questo punto di vista Trieste è sempre stata carente.

Qual è il problema maggiore e che cosa secondo voi si potrebbe fare per migliorare?
[Davide] Non c’è nessun problema, si trova sempre una soluzione! Importante è non facebookrincoglionirsi e dirsi le cose in faccia, magari se necessario usare toni alti!
[Lorenzo] Concordo! Meno futili discussioni sui social, creare una maggiore collaborazione tra le varie realtà, non solo hardcore/punk o metal.

Progetti futuri? Sogni nel cassetto? C’è un gruppo ‘big’ che vi piacerebbe portare?
[Davide] Lorenzo, progetti futuri? Amici di Trieste, progetti futuri? Spero di riuscire a trovare altre collaborazioni per organizzare altre feste hardcore! Di ‘big’? Chi può essere ‘big’ dopo quelli già portati? Non sogni, ma solide realtà! Cara Freezine, sei grande ed è stato gratificante essere intervistati da te!
A presto! Grazie di tutto!

Iron Maiden, il grande ritorno in Piazza Unità a Trieste martedì 17 luglio 2018

Si colora di tinte hard rock ed heavy metal l’estate musicale 2018 del Friuli Venezia Giulia. Ad alzare l’asticella ai massimi livelli sarà un grandissimo ritorno, quello degli Iron Maiden che, dopo il successo mondiale dell’album e del tour ‘The Book of Souls’ (2015), tornano on the road con un nuovo spettacolare tour dal titolo ‘Legacy Of The Beast European Tour’. Un nuovo straordinario viaggio musicale per la band che ha fatto la storia del genere heavy metal, che vedrà solo due esclusivi concerti in Italia, a Milano e, per l’unico appuntamento nel Nordest, a Trieste, in Piazza Unità d’Italia, il prossimo 17 luglio. Mantenuta la promessa del leader del gruppo Bruce Dickinson, che proprio in Piazza Unità nel 2016 davanti a oltre 15 mila persone, aveva salutato il pubblico con un ‘arrivederci a presto’.
Anche nel 2018 Trieste si conferma una volta di più come meta di prima importanza per i grandi concerti internazionali e per il relativo turismo musicale, alla pari delle grandi città europee. Il live degli Iron Maiden nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia, organizzato da Vertigo e Zenit srl, in collaborazione con il Comune di Trieste e la Regione Friuli Venezia Giulia, si annuncia già come uno dei concerti di punta del prossimo anno, capace di certo di richiamare moltissimi appassionati da fuori regione e dalle vicine Austria, Slovenia e Croazia, paesi dove la band è amatissima. I biglietti saranno acquistabili sul circuito Ticketone a partire dalle ore 9.00 di venerdì 24 novembre (la pre-sale per il fan club sarà invece attiva su ironmaiden.com dalle 9.00 di lunedì 20 novembre). Tutte le informazioni e i punti vendita su www.ticketone.it e www.azalea.it .

Hanno venduto oltre 90 milioni di dischi nel mondo dominando negli ultimi trent’anni la scena metal mondiale, influenzando band del calibro di Metallica, Slayer, Anthrax e Megadeth, loro sono gli Iron Maiden. Per il 2018 la band sta preparando un tour speciale con una produzione al gran completo, una serie di concerti spettacolari che avrà inizio il 26 maggio a Tallinn in Estonia, per finire il 10 agosto alla o2 Arena di Londra.
L’idea del ‘Legacy of The Beast European Tour’ è nata dal video gioco e dal libro di fumetti legati alla band che prendono lo stesso nome. Anche il design spettacolare del palco e la produzione in generale vedranno molte novità, inoltre la set list riprenderà molti brani degli anni ’80 con una bella manciata di nuovi pezzi. Gli ingredienti per uno spettacolo memorabile ci sono tutti. Rod Smallwood, storico manager della band spiega nel dettaglio che: ‘Come molti nostri fan già sanno, da quando Bruce e Adrian sono tornati nella band, abbiamo sempre seguito un ciclo particolare di tour alternando tour celebrativi storici ad altri legati ai nuovi album. Ci è sempre piaciuto lavorare in questo modo, semplicemente perché la band ha la possibilità di suonare sia il materiale vecchio che quello nuovo preferito dai fan. Questo mantiene vivo il gruppo e l’interesse, oltre a soddisfare i nuovi e vecchi seguaci. Per questo tour abbiamo deciso di girare attorno al concept del Legacy of The Beast, perché vogliamo mettere a nudo la nostra creatività e allo stesso tempo divertirci, soprattutto con Eddie! Non voglio anticiparvi niente, al momento stiamo lavorando su differenti set di palchi, per mantenere alta e viva la tradizione dei Maiden… Vogliamo regalarvi un’esperienza speciale!’

Gli Iron Maiden si formano a Londra nel 1975, su iniziativa del bassista Steve Harris e sono ad oggi considerati come uno dei più importanti gruppi heavy meta al mondo, fatto confermato dall’enorme seguito di pubblico che la band sa ad oggi riscuotere. Sono fra i capostipiti della cosiddetta ‘New Wave of British Heavy Metal’, corrente che racchiude anche artisti come Saxon, Angel Witch, Samson, Def Leppard, Raven e Venom, alla quale apportano un contributo fondamentale. L’omonimo disco di debutto arriva nel 1980 e li catapulta subito al top della scena metal del periodo. Dopo l’uscita del secondo album, ‘Killers’, il cantante Paul Di’Anno viene sostituito da Bruce Dickinson con cui il gruppo pubblica, nel 1982, ‘The Number of the Beast’, uno dei più importanti lavori della storia del gruppo e di tutto il genere heavy metal mondiale. Per tutta la durata degli anni ottanta gli Iron Maiden accrescono il loro successo grazie ad album come ‘Piece of Mind’, ‘Powerslave’, ‘Somewhere in Time’, ‘Seventh Son of a Seventh Son’, con i quali collezionano numerosissimi dischi d’oro e di platino in numerosi paesi. La formazione rimane la stessa fino all’abbandono del chitarrista Adrian Smith, sostituito da Janick Gers. ‘Fear of the Dark’ (1992) fu l’ultimo album del gruppo con Dickinson alla voce, che viene infatti sostituito l’anno seguente da Blaze Bayley, con il quale tuttavia il gruppo non trova il successo sperato. Dickinson e Smith tornano in formazione nel 1999 a furor di popolo, rimpiazzando Bayley ma non il chitarrista Janick Gers, diventando così un sestetto. L’anno seguente viene pubblicato un nuovo album: ‘Brave New World’. Il loro ultimo lavoro, ‘The Book of Souls’, pubblicato il 4 settembre 2015, ha riscosso un ottimo successo raggiungendo anche la quarta posizione nella Billboard 200 – come peraltro il precedente ‘The Final Frontier’ (2010) – e la prima posizione in 40 nazioni, Italia compresa. Ora la band si appresta a tornare in tour, notizia che di certo i fan della band accoglieranno con grande entusiasmo, pronti ad acclamarli a migliaia anche nei prossimi live italiani, tra cui quello di Trieste del 17 luglio. Tutte le informazioni su www.azalea.it .

Guns N’ Roses in arrivo venerdì 15 giugno al Firenze Rocks

Dopo Imola, Firenze.

Ad un anno di distanza dal concertone del 10 giugno scorso all’Autodromo Ferrari – qui il nostro report-, i Guns tornano nel Bel Paese per il Firenze Rocks che, dopo aver ospitato l’anno scorso gli Aerosmith, quest’anno fa ancora un’altra volta centro con Axl & Co.

Qui sotto tutte le date della tranche europea 2018 del ‘Not In This Lifetime’:

3.6 @Olympiastadion, Berlino, DE
4.6 @Dyreskuepladsen, Odense, DK
9.6 @Download Festival, Donington Park, Great Britain
12.6 @Veltins Arena, Gelsenkirchen, DE
15.6 @Firenze Rocks, Firenze, IT
18.6 @Download Festival, Paris, FR
21.6 @Graspop Metal Meeting, Dessel, BE
24.6 @Maimarktgelände, Mannheim, DE
26.6 @Matmut Stadium, Bordeaux, FR
29.6 @Download Festival, Madrid, ES
1.7 @Estadio Olympico, Barcelona, ES
4.7 @Goffertpark, Nijmegen, NL
7.7 @Festwiese, Leipzig, DE
9.7 @Stadion Slaski, Chorzow, PL
13.7 @Otkritie Arena, Moscow, RU
16.7 @Tallinn Song Festival Ground, Tallinn, EE
19.7 @Valle Hovin, Oslo, NO
21.7 @Ullevi Stadium, Gothenburg, SE

Scorpions, è polemica su Facebook. Le proteste dei fans negli USA: ‘Non vi seguiremo più’

Dio perdona, i rockers no.

Fans imbufaliti dopo che la band di Hannover lo scorso 8 ottobre ha cancellato le ultime date del tour in Nordamerica a causa della laringite acuta che aveva colpito il cantante Klaus Meine.

Tanta la rabbia che scorre in questi giorni su Facebook, dove i fans lasciano i loro messaggini colmi di delusione ed amarezza sulla pagina ufficiale della band.

‘Non vi seguirò più’ è la minaccia disperata di Joe:

‘Bastardi egoisti!’ è la pesante accusa di Lawrence, che aspettava la data di Dallas per portarci il figlioletto di 11 anni.

Agli Scorpions rimanevano ancora cinque date negli USA, a Phoenix, San Antonio, Dallas, Fort Lauderdale e Tampa. Tra i fans c’è chi, nonostante il ‘tradimento’, continua ad aspettarli, ma anche chi ritiene che quella della laringite fosse solo una mera scusa:

Il gruppo ha ripreso la tournée in Russia, poi si sposterà in Scandinavia, Polonia, Danimarca ed altri paesi, fino ad aprile 2018. Prevista anche una data in Slovenia, a Lubiana, in programma per martedì 5 dicembre all’Arena Stozice.

Blog|Rock|Metal|Festival|

Pin It on Pinterest