Archivi tag: Hadal

Sliptrick Records, entrano nel roster Dead South Dealers, Hadal e Alkemy

La Sliptrick Records continua ad ingrandire il suo roster con l’ingresso di tre nuovi gruppi, tutti quanti al lavoro su nuovi album in uscita nel 2017.

Dead South Dealers (GR) Heavy Rock
Hadal (IT) Dark metal|Death Doom Metal
Alkemy (IT) Metalcore | Deathcore
dead-south-dealers-bg-2Si parte con Dead South Dealers, heavy rock e metal dalla Grecia. Formati nel 2013, la band, che ha la sua ‘base’ ad Atene, si caratterizza per il suo sound frutto della combinazione di stili diversi. Nel gennaio 2016 hanno pubblicato il loro primo singolo, ‘Note to Self’, destinato a lasciare traccia dietro di sé. La band è fortemente influenzata da giganti del rock come Led Zeppelin e Black Sabbath, fino a gruppi più recenti come Clutch e Alter Bridge. A breve uscirà il loro primo full-length ‘Walk Through the Line’ con Sliptrick Records.

Facebook | YouTube

Hadal, dark metal attivi dal 2009, nascono a Trieste dalle ceneri dei So Cold, una band principalmente ispirata dal movimento gothic metal finlandese. Ben presto il gruppo decide di intraprendere una ricerca più personale, dove strofe cariche d’oscurità si fondono con riff di chitarra metal, creando sonorità caratterizzate da un groove lento, melodico e potente allo stesso tempo. Sulla scia del successo di ‘The Obscure I’ (2013) , e dell’entusiasmo suscitato durante i loro live, stanno portando a termine il loro primo full lenght in uscita con Sliptrick.

Official website | Facebook | Youtube 

SAMSUNG CAMERA PICTURES
Alkemy

Arrivano da Bergamo gli Alkemy, formati nel 2015 il loro suono è frutto di una combinazione potente ed originale, restando con radici ben salde in territorio metalcore e deathcore. Dopo un anno di lavoro, e aver completato la line up, lo scorso febbraio sono entrati in studio al Math Lab Studio di Pistoia. Il loro EP ‘Creepyville’ è in uscita nei prossimi mesi con Sliptrick.

Gli Hadal e i doomer liguri Plateau Sigma sabato 10 dicembre al New Life di Trieste

Plateau Sigma, Hadal in concerto al New Life Rock Bar, Trieste

Sabato 10 dicembre 2016
Start 21.00
Ingresso libero
Evento Facebook:
https://www.facebook.com/events/1845935022310285/

Plateau Sigma
https://www.facebook.com/plateausigmadoom/

Hadal
https://www.facebook.com/HadalOfficial/?fref=ts
http://www.intothehadal.com/

plateau-sigma-band-2016-570x379I liguri Plateau Sigma da Ventimiglia sono un quartetto che vede l’alternarsi di Manuel Vicari e Francesco Genduso alla voce e chitarra; completano la line up Maurizio Avena al basso e Nino Zuppardo (batteria, percussioni). Approdati alla scena musicale nel 2012 con il debut ‘White Wings of Nightmares’, si confermano due anni dopo con ‘The True Shape of Eskatos’, definito dalla critica specializzata ‘un autentico gioiello doom screziato di riflessi multicolori, dal funeral al death passando per suggestioni floydiane e addirittura ambient’.

Plateau Sigma, 'Rituals', Avantgarde Music (2016)
Plateau Sigma, ‘Rituals’, Avantgarde Music (2016)

‘Rituals’, il loro secondo album uscito a marzo via Avantgarde Music, contiene sei brani ciascuno dei quali rappresenta un ‘rituale’ -come suggerisce il titolo dell’album- dedicato a una divinità del Pantheon romano. Registrato e missato da Francesco Genduso presso gli Igloo Audio Factory, ‘Rituals’ è masterizzato da Magnus Lindberg degli svedesi Cult Of Luna e disegnato da Francesco Gemelli.

1782172_1561026920850065_3420377742392271270_nAd aprire la serata saranno i triestini Hadal, dark metal attivi dal 2009, nascono dalle ceneri dei So Cold, una band principalmente ispirata dal movimento gothic metal finlandese. Ben presto decidono di intraprendere una ricerca più personale, dove strofe cariche d’oscurità si fondono con riff di chitarra metal, creando sonorità caratterizzate da un groove lento, melodico e potente allo stesso tempo.  Nel 2012 esce il primo demo ‘Dark Water’, che viene accolto positivamente, a cui segue il secondo ‘The Obscure’ (2013).

Hadal, 'Painful Shadow' (2016)
Hadal, ‘Painful Shadow’ (2016)

Nello stesso periodo la cantante Alessia si trasferisce a Londra e viene sostituita da Alberto, capace di infondere alla band una nuova energia creativa grazie al suo carisma e alla sua forte personalità. Nel 2016 la band ha realizzato il primo full lenght ‘Painful Shadow’, registrato presso il Track Terminal Studio di Trieste, per il quale stanno valutando le varie proposte di pubblicazione.

 

 

Intervista Mindwars- Roby Vitari ci parla del primo tour europeo e progetti futuri

Parte in questi giorni il tour dei thrasher californiani Mindwars, band in cui milita lo storico chitarrista ex Holy Terror Mike Alvord.
Abbiamo rivolto alcune domande a Roby Vitari, batterista e fondatore della band, in preparazione del concerto che li vedrà suonare sabato 29 ottobre al New Life Rock Bar di Trieste, ad ingresso gratuito. La serata, che è organizzata da Planet K Records, vede in apertura i Black Pope e i dark metallers Hadal, qui sotto il link all’evento:

https://www.facebook.com/events/1753175234899160/

14344725_1742467762669617_1457855574895729253_nCiao, questo è il primo tour in Europa per i Mindwars, inoltre parte da Torino che è anche la vostra ‘base’: come ti senti?
Ciao, grazie infinite per l’interesse e il supporto! Sì, venerdì suoneremo come Mindwars per la prima volta a Torino… fighissimo! Dopo due dischi e due mini tour americani, e il terzo in preparazione, finalmente suoniamo in casa! Suoneremo al Border Club, punto di riferimento per gli amanti del rock e del metal, un piccolo club ma con un giro molto potente. Suoneremo con Exctinction e Feary Tales, due attivissime band locali molto diverse tra loro ma sicuramente validissime.

Parliamo dell’album ‘Sworn to Secrecy’, come si è sviluppato?
Il disco è nato a metà 2016, relativamente a breve distanza da ‘The Enemy Within’, e la sua ‘gestazione’ è stata abbastanza rapida e naturale nonostante vivessimo in due continenti diversi. Le fasi di pre-produzione, registrazione e missaggio, si sono protratte fino a dicembre 2015. Il disco ha visto la luce in aprile tramite la nostra etichetta Punishment 18 Records.

Mindwars, 'Sworn To Secrecy', Punishment 18 Records (2016), artwork by Mario Lopez
Mindwars, ‘Sworn To Secrecy’, Punishment 18 Records (2016), artwork by Mario Lopez

L’artwork di copertina è molto forte, puoi dirci che cosa rappresenta esattamente?
L’artista che ha curato l’artwork è lo stesso che si è occupato del nostro primo album, Mario Lopez, che è un attivissimo disegnatore di decine di bellissime copertine metal. Tra i due album esiste un filo conduttore, il protagonista è il medesimo in entrambe le copertine, ovvero Wally, la nostra mascotte, che da vittima di un mondo digitale e informatizzato (The Enemy Within), finisce per confrontarsi con la corruzione più profonda che è presente nell’animo umano (Sworn To Secrecy).

Quali sono le differenze principali tra questo lavoro ed il vostro primo album?
A mio avviso ‘Sworn To Secrecy’ risulta più immediato, furioso e ‘sporco’, infatti non è stato fatto nessun tipo di editing rispetto a ‘The Enemy Within’, che invece è più ‘lavorato’ e appare forse più variegato nella proposta musicale. La perfezione, ovviamente arriverà con il disco #3. (sorride, nda).

‘Sworn To Secrecy’ è stato missato e masterizzato da Bill Metoyer degli Skull Seven Studios di Los Angeles, com’è stata l’esperienza?
Bill è una grande persona e un bravissimo produttore. Abbiamo lavorato virtualmente al suo fianco in tutte le fasi di missaggio e mastering. E’ stato paziente, disponibile e super professionale in tutte le fasi di lavorazione.

Il tuo primo incontro con Mike Alvord risale a parecchio tempo fa, che cosa ci puoi raccontare di quel momento?
Correva l’anno 1989 e io, che abitavo ancora a Cosenza, per poter andare ai concerti a Milano o Torino dovevo spostarmi percorrendo per notti e giorni interi in treno la penisola… Ai tempi, lavoravo per una radio privata di Cosenza e avevo la possibilità di intervistare le band grazie ai pass riservati agli addetti ai lavori. Il concerto in questione fu Nuclear Assault, Exodus e Holy Terror a Milano, e nel backstage, tra i vari membri dei gruppi, ho trovato molta affinità con Mike che in quell’occasione mi rivelò che i suoi nonni erano anch’essi originari della Calabria. Coincidenza fatale!

Poi è passato del tempo prima di ritrovarvi, nel frattempo che cosa è successo che ti ha portato in direzione Mindwars? 
Più o meno venticinque anni dopo quel concerto del 1989, Mike ed io ci siamo ritrovati grazie a Facebook e da lì è stato tutto abbastanza naturale. Anche se lui aveva smesso di suonare dopo lo split degli Holy Terror, teneva dei riff da parte che sarebbero dovuti finire in un ipotetico terzo disco degli HT, che purtroppo non ha mai visto la luce. Gli chiesi di mandarmeli e già dopo qualche giorno avevo preparato le parti di batteria abbozzate -ho uno studio di registrazione a Torino per cui il processo è stato molto fluido, lui ne fu entusiasta e così è iniziata l’avventura Mindwars. Da lì a poco reclutammo l’ottimo Danny “Z” Pizzi al basso.

All’inizio dell’anno invece c’è stata la tournée negli Stati Uniti, com’è andata? 
In USA abbiamo già fatto due mini-tour, il primo nel 2014 e il secondo quest’anno, suonando anche in un importante festival di Los Angeles con Exciter, Atrophy, Merciless Death, Fueled By Fire, Warbringer ed altre band. Le locations, ad eccezione dei festival, erano club medio piccoli con un discreto afflusso di pubblico. Purtroppo viviamo un momento storico in cui la musica dal vivo non è considerata una priorità, un po’ dappertutto.. questo però non può che darci lo stimolo di continuare con tutta la passione che abbiamo da sempre per la nostra musica.

Prima dei Mindwars vieni da esperienze con band diverse, quale di queste è quella a cui oggi ti senti più legato e perché?
Credo che la mia prima band in assoluto possa essere considerato il primo amore, gli Headcrasher, ma ho vissuto dei momenti splendidi con tutte le realtà con cui mi sono confrontato, in ambito metal ed anche ‘meno metal’ hehe. The Art Of Zapping, NIA Punx, Jester Beast, Hollywood Killerz, Kutfaces, Nefertari, This Evol Taste, LA Cosa, MCN, Creepin’ Death, e ora Mindwars sono e sono stati motivi di passione e trasporto emozionale immenso.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Oltre all’imminente tour europeo, con Mindwars stiamo preparando il terzo mini tour americano per l’inverno 2017 e, ovviamente, il terzo album. Io sono attualmente anche in forze con gli storici amici Creepin’ Death di Torino con i quali faremo un concerto/evento di reunion organizzato da Carlo Ortolano della gloriosa Dracma Records di Torino per il 3 dicembre. Sarà una grande Festa!!!

Grazie per questa chiacchierata, ci vediamo sabato a Trieste!
Grazie infinite a te e a tutti i lettori di Freezine! STAY THRASH!!!

http://www.mindwarsofficial.com/
https://www.facebook.com/mindwarsband/?fref=ts

 

Mindwars (U.S.A.), Black Pope, Hadal @ New Life, Trieste, 29.10.2016

I thrasher californiani Mindwars, band in cui milita lo storico chitarrista ex Holy Terror Mike Alvord, saranno per una delle date del tour europeo in Italia a Trieste.
Il concerto, che si terrà sabato 29 ottobre presso il New Life ed è organizzato dalla Planet K Records, vedrà in apertura come special guest i Black Pope e gli Hadal, dark metal triestini attivi dal 2009.

Qui sotto il link dell’evento su Facebook:

https://www.facebook.com/events/1753175234899160/

Continua la lettura di Mindwars (U.S.A.), Black Pope, Hadal @ New Life, Trieste, 29.10.2016

Trieste, due serate all’insegna del doom con le SaturninE, Ooze e le slovene Mist

Una massiccia dose di metal è pronta ad abbattersi su Trieste, che il 9 e 10 luglio prossimi si accenderà per due serate all’insegna del doom. Il 9 luglio ritorna il Damned Party, evento targato Radioactive Booking e Planet K Records che ospiterà la band bolognese tutta al femminile delle SaturninE. Ad aprire la Occult Night saranno gli Ooze da Trieste e le slovene Mist da Lubiana.
Continua la lettura di Trieste, due serate all’insegna del doom con le SaturninE, Ooze e le slovene Mist