Archivi categoria: festival

Heavy Psych Sounds Fest sbarca a Trieste: al teatro Miela il 3 e 4 maggio 2024

Rocket Panda Management

is proud to announce 

HEAVY PSYCH SOUNDS FEST ITALY 2024

BOLOGNA & TRIESTE

Heavy Psych Sounds Records & Booking will smash Bologna and for the first time Trieste with their highly acclaimed mini festival-series, the HEAVY PSYCH SOUNDS FEST!

We are honored to collaborate with Freakout Club and the mighty Heavy Psych Sounds Records & Booking for the next

 HEAVY PSYCH SOUNDS FEST ITALY 2024 !!!

The HPS Fest Italy will be taking place 3rd and 4th of May at the Teatro Miela in Trieste and 4th and 5th of May at the TPO Club in Bologna !!!

HEAVY PSYCH SOUNDS FEST ITALY 2024

BOLOGNA & TRIESTE

@ TPO, Bologna // 4th and 5th May 2024

@ Teatro Miela, Trieste // 3rd and 4th May 2024

FIRST BANDS ANNOUNCEMENT + TICKETS PRESALE COMING SOON…

Megadeth, Lacuna Coil, Katatonia, Messa @AMA Music Festival, 27.8.2023

Gran finale col botto per l’Ama Music Festival, la cinque giorni di musica che dal 23 al 27 agosto ha portato alle pendici del Monte Grappa, per la precisione in quel di Romano d’Ezzelino (VI), un sacco di nomi dei generi più diversi, da Chemical Brothers agli Articolo 31, da Salmo ai Cypress Hill.

Tiro in porta di questa ottava edizione sono stati però i Megadeth, protagonisti della serata di domenica 27 agosto per quella che è stata l’unica data italiana dell’intenso tour estivo. Spettacolare location della serata, Villa Ca’ Cornaro, o meglio il suo parco secolare, trasformato per l’occasione in un megaraduno open air diviso tra l’area del mercatino artigianale, più defilata, quella centrale della ristorazione con tavoli e stand per tutti i palati- e quella del concerto vero e proprio.

A fare gli onori dei padroni di casa sono i Messa, band padovana ormai stella della scena internazionale grazie ad un’incessante attività live e al sound originale connubio di doom, dark jazz e ambient. La pioggia, che fino a quel momento era rimasta a guardare, forse stregata dalla voce di Sara dei Messa, inizia a scendere in concomitanza con l’arrivo dei Katatonia, band icona del death doom fin dal suo esordio, avvenuto ormai nel lontano 1991. Una performance non proprio memorabile quella degli svedesi, penalizzata dalla resa acustica e dalla line up ridotta a quattro elementi…pazienza, sarà per la prossima volta!

L’attesa per gli headliner inizia a farsi sentire, così come si avverte nel pit ormai affollatissimo di fans giunti appositamente da tutto lo stivale per incontrare i loro idoli. Ad allietare l’attesa ci pensano bene i nostrani Lacuna Coil, altra macchina da guerra since 1994, hanno letteralmente spaccato capitanati da una Cristina Scabbia in stato di grazia.

La cantante milanese -ma di genitori veneti, come ha orgogliosamente sottolineato più volte durante lo show-, si conferma ancora una volta stabile sul gradino più alto del podio di Metal Queen.. e riuscirci a 51 anni senza rischiare di cadere nel ridicolo, o peggio nel volgare, non è sicuramente cosa da poco!

‘Cristina Is A National Treasure‘, a definirla così sarà lo stesso Dave Mustaine dei Megadeth, saliti sul palco poco dopo le 22 sulle note dell’intro di ‘Prince Of Darkness’ seguito da ‘Hangar 18’. Ed è solo la prima di una serie di confidenze rivolte al pubblico da Megadave, dall’acquisto di una casa sulle colline marchigiane -sembra per trasferirsi gradualmente in Italia-, alle prime parole imparate in italiano –‘stronzo’ su tutti-, fino ad augurare ‘Happy Birthday’ con tanto di canzoncina al fortunato tra il pubblico.

E poco importa se l’impianto ha qualche blackout, il fuoco dei Megadeth divampa scacciando anche quelle poche nuvole rimaste, mentre il pit ribolle e gorgoglia come magma incandescente. Momento clou, il duetto con special guest Cristina Scabbia per il classico ‘A Tout Le Monde’ precede il gran finale con le pietre miliari ‘Symphony of Destruction’, ‘Peace Sells’ e ‘Holy Wars’. Con un sold out di oltre seimila persone un bel risultato anche per l’organizzazione, ottenuto senza darsi tutte quelle arie da ‘metal festival’ di cui è difficile fidarsi. Ora non resta che attendere il prossimo anno per scoprire se quella dell’AMA Festival con il metal è stata solo un’avventura estiva oppure….chissà!

Stoner Kras Fest @Prosecco, Trieste, 15.7.2023

Grande partecipazione a Prosecco sabato 15 luglio per Stoner Kras Fest, il raduno di musica psichedelica giunto quest’anno alla sua seconda edizione. Organizzato da Arci Trieste insieme a Rocket Panda Management ha visto confluire sul Carso triestino tantissimi appassionati del genere stoner e doom, alla ricerca di buona musica ed anche un po’ di fresco nel torrido weekend.

Situato proprio dietro il teatro, già location dei concerti targati Rocket Panda durante la stagione invernale, lo spazio B’lanc si presenta attrezzato con tutti i crismi dell’occasione: colorati banchetti del merch, cd e vinili, due food truck, uno di cucina fusion da Trieste e l’altro balkan dalla vicina Sežana, un’area relax con tanto di massaggiatrice e una giochi per i più piccoli.

Piuttosto nutrito il bill, che ha visto l’apertura sotto il sole cocente con i Doombo, nuova doom band made in Trieste per la prima volta live con i pezzi dell’Ep di debutto. A seguire è il turno dei Mystic Majesty, hard robot rock veronese freschi del concept album ‘Speak your mind’, mentre la sorpresa arriva da Long Hour, progetto solista di Julien Medor, eclettico musicista australiano che si ispira a David Yow dei Jesus Lizard ed alle sue stravaganti performance.

Saltata all’ultimo l’esibizione degli sloveni Jegulja, la scena è tutta per i TSO, local heroes letteralmente ‘risuscitati’ dopo un lungo periodo di assenza dai palchi, attualmente sono al lavoro sul loro terzo, atteso album. E mentre nel cambio set tra un gruppo e l’altro parte il dj set di Alternative Nite e Satisfaction, tutti gli occhi sono puntati sull’arrivo dei Margarita Witch Cult, nuovi portabandiera della scena doom metal di Birmingham. L’omaggio in scaletta ai Black Sabbath è praticamente d’obbligo, così come la lezione di cotanti padri emerge con prepotenza dalle oscure profondità del loro sound.

Festival ormai gremito e pubblico caldissimo, tra cui oltre ai fans provenienti da Slovenia e Croazia, fa piacere riconoscere più di una volta anche il simpatico accento veneto. Tutti ormai pronti per scatenarsi in un pogo indiavolato per i Mondo Generator ed il suo luciferino frontman Nick Oliveri, icona dello stoner rock anni Novanta con Kyuss e QOTSA.

Verso la fine della serata sarà proprio Nick che mi ritrovo accanto, sorridente e rilassato mentre si gode l’esibizione dei greci 1000 Mods come uno spettatore qualsiasi. Incontri ravvicinati possibili ormai soltanto nei festival di piccole dimensioni come Stoner Kras Fest, la nuova scommessa di una scena triestina che -finalmente- torna a rimettersi in gioco alla grande.

The Cult, The Damn Truth @Pordenone Blues Festival, 1.7.2023

Gran ritorno al Pordenone Blues Festival sabato 1 luglio, a poco meno di un anno dall’indimenticabile concerto del compianto Jeff Beck. E pazienza se questa volta non c’è Johnny Depp, i leggendari Cult live in Friulandia sono come l’apparizione della Madonna…un evento miracoloso al quale sembrava praticamente impossibile mancare!

Invariata la location, il Parco del San Valentino minacciato da una pioggia sempre più insistente che, invece di rinfrescare, porta tanta afa e umidità. Dopo un veloce spuntino sotto gli stand per evitare di bagnarsi arriva il momento di sfidare le intemperie per raggiungere il palco, dove nel frattempo sono saliti The Damn Truth. Arrivano dal Canada, più precisamente da Montréal, e si sono fatti conoscere con l’album ‘Now Or Nowhere’ (2021) prodotto dall’illustre Bob Rock (Metallica, Mötley, Bon Jovi e gli stessi Cult).

Capitanati dalla talentuosa Leela -definita come ‘la figlia di Robert Plant e Janis Joplin’– questa rock band dal gusto prettamente 70’s non si lascia scoraggiare né dalla pioggia né dai frequenti disturbi alle casse, reagendo con prontezza di spirito e gran entusiasmo. Continuo lo scambio tra band e pubblico, che vede il culmine quando il chitarrista scende dal palco per mescolarsi tra la folla, suscitando immediatamente una levata di smartphone per immortalare il momento.

Sono da poco passate le 22 quando i Cult, graziati dalla pioggia, emergono dall’oltretomba protetti da una spessa coltre di incenso che li rende pressoché invisibili. La band, guidata dallo sciamano rock n’ roll Ian Astbury, parte con ‘Rise’ per condurci attraverso quello che è un vero e proprio viaggio attraverso quarant’anni di carriera, dalle hit di ‘Love’ (1985), pietra miliare del goth rock, fino ad ‘Under The Midnight Sun’ (2022), l’ultimo album che cita come fonti d’ispirazione l’universo allucinato di Lewis Carroll e il cinema di David Lynch.

Che Astbury, 61 anni compiuti da poco, non sia questo mostro di gran simpatia è noto anche ai muri, ma da qui ad apparire rigido, a tratti impacciato, quasi fosse un passante capitato di lì per caso…ce ne vuole! Oltre a lui, della line up originale sul palco è rimasto Billy Duffy, a cui si aggiungono Grant Fritzpatrick al basso, Damon Fox alle tastiere e John Tempesta alla batteria.

Momento assolutamente top(ico) quando, complice anche la ripresa di una leggera pioggerellina, l’amico Riccardo s’inginocchia a terra per chiedere alla sua Giulia di sposarlo, scegliendo come sottofondo per la proposta la romantica ‘Rain’.

Gran finale con ‘She Sells Sanctuary’, a cui seguono gli encore ‘Peace Dog’ e ‘Love Removal Machine’ entrambi tratti dal sorprendente ‘Electric’ (1987). Dopo lo show la notte è ancora lunga per i fans dei Cult che devono rientrare in direzione Trieste e trovano l’autostrada chiusa per i soliti lavori sulla terza corsia. La fatica delle trasferte rock tra annullamenti improvvisi di tour, il caro-benzina e soprattutto la difficoltà di collegamenti e linee di trasporti si fa sentire…Forza Freezine, Never Give Up!!!!

Doombo: Ep di debutto per la nuova band made in Trieste

Rocket Panda Management Proudly Presents:

Doombo self titled EP is the first studio production of the band, tracked and recorded at the drummer’s home studio and mixed by sound engineer Alessandro Perosa.

Listen to the album here: DOOMBO – Doombo (EP 2023)

Grab your copy here: https://doombo.bandcamp.com/album/doombo

Formed in 2022 the band’s lineup of drummer Ivan Kralj, bass player Ivan Rongione and guitarist/singer Pablo Scarpa felt the need to write its own material right from the start. They discovered they had a mutual appreciation of stoner doom music in particular, as reflected in the 4 songs of this EP, featuring influences from bands like Sleep, Black Sabbath, Boris, Mastodon, Melvins and The Sword.

The setlist presents titles such as ‘Kebab Pt.2’, ‘Multidimensional Invasion’, ‘Funk Lung’ and ‘From Hell’. The whole EP was recorded on tape, which contributes to give the record a vintage vibe. Low-tuned fuzzy riffs, roaring bass tones and the powerful drum playing makes Doombo a mixture of influences ranging from classic rock to doom metal.

On July 15th they’ll be playing their first gig opening at StonerKras Festival in Prosecco (Trieste) alongside Nick Olivieri’s Mondo Generator, 1000 Mods, Margarita Witch Cult and many more.

DOOMBO is:

Pablo Scarpa – guitars & vocals

Ivan Rongione – bass

Ivan Kralj – drums

Tytus: release party a Prosecco con Nightstalker e Haram!

Ci saranno anche i Tytus per la Road to Stonerkras, la seratona di rock psichedelico in programma venerdì 7 aprile nella Casa della cultura-Kulturni Dom di Prosecco (Trieste).

StonerKras, Rocket Panda Management e Associazione Never In presentano: ROAD TO STONERKRAS with NIGHTSTALKER (Greek Stoner Legends), TYTUS (EP Release Party) + HARAM!

Star della serata i NIGHTSTALKER, leggende dello stoner rock greco, che infiammano la scena europea da più di 30 anni con le loro sonorità tipicamente stoner rock. La band è in tour per celebrare il decennale del suo album di culto ‘Dead Rock Commandos’. Ospiti speciali della serata gli eroi heavy metal locali TYTUS, che torneranno ad esibirsi su un palco nostrano dopo una lunga pausa e lo faranno in occasione dell’uscita del loro nuovo EP ‘Roaming in Despair’..un vero e proprio release party quindi!! Ad aprire la serata gli HARAM!, band molto promettente con sonorità stoner, punk e noise !!

A far ballare i partecipanti invece ci sarà la rock crew Satisfaction Rock’n’Roll !!!

!!! Apertura porte prevista per le 19.00, entrata 10€ !!!

Pordenone Blues Festival, la partenza venerdì con i Deep Purple!

Dopo i Deep Purple, il Pordenone Blues Festival assesta un nuovo, formidabile colpo per l’estate: si tratta dei leggendari The Cult sul palco del Parco San Valentino sabato 1 luglio per quello che si preannuncia come un evento a dir poco indimenticabile. La serata vedrà come special guest di apertura i The Damn Truth, blues rock band canadese capitanata dalla carismatica cantante e chitarrista Lee-la Baum.

Evento Facebook: The Cult + The Damn Truth @ Pordenone

Sabato 1 luglio 2023 Parco S. Valentino, Pordenone

ORARI

17:00 Apertura porte + Food & drink area e Dj set

18:45 Inizio concerti

Prezzo biglietti in prevendita: € 40,00 + d.p.

Prezzo biglietti alla cassa: € 50,00

 Prevendita online su Ticketone.it dalle ore 10:00 di venerdì 31 marzo

The Cult è un gruppo musicale rock inglese fondato nel 1983 da Ian Astbury e Billy Duffy.
Con grande abilità e genialità, sono riusciti negli anni della loro attività musicale a introdurre nel sound gotico delle origini gli elementi di blues, psichedelia e possenti riff di chitarra, arrivando alla definitiva svolta hard rock.

I fondatori del gruppo provenivano da due diverse band goth rock attive nei primi anni ’80: i Southern Death Cult (il cui cantante era Ian Astbury) ed i Theatre of Hate (in cui Billy Duffy era stato chitarrista per breve tempo). Entrambi abbandonarono i rispettivi gruppi nell’83 formando i Death Cult, nome abbreviato della vecchia band di Astbury (che lo aveva mutuato da quello di una tribù Indiana del delta del Mississippi del XIV e XV secolo, essendo appassionato di cultura nativo-americana); in quell’anno stesso il gruppo, con al basso Jamie Stewart e alla batteria Ray Mondo (entrambi ex membri dei Ritual), pubblicò un EP omonimo ed il singolo ‘Gods Zoo’ a partire dal quale dopo l’abbandono di Ray Mondo (che essendo illegalmente in Inghilterra era stato espulso e rimandato in Sierra Leone – suo paese natale) il batterista divenne Nigel Preston, anch’egli ex-Theatre of Hate oltre che dei Sex Gang Children. In seguito i membri hanno intrapreso progetti paralleli. Billy Duffy ha fondato con Craig Adams e Mike Peters i Coloursound mentre Ian Astbury ha formato gli Holy Barbarians pubblicando nel 1996 l’album ‘Cream’ e poi nel 1999 il suo primo ed unico disco solista ‘Spirit, Light, Speed’. Nel 2001, Ian, Billy e Matt Sorum si riunirono per un nuovo disco, ‘Beyond Good And Evil’, e un tour di concerti fino al 2002, anno in cui Ian si unisce alla rimpatriata dei Doors in California, poi ribattezzatasi ‘Riders On The Storm’.

The Cult hanno all’attivo 11 dischi in studio: Dreamtime (1984); Love (1985); Electric (1987); Sonic Temple (1989); Ceremony (1991); The Cult (1994); Beyond Good and Evil (2001); Born into This (2007); Choice of Weapon (2012); Hidden City (2016). Nell’ottobre del 2022 pubblicano ‘Under The Midnight Sun’, capolavoro acclamato da pubblico e critica, undicesimo disco della loro carriera.

StonerKras 2023: annunciati i 1000mods come prima band

Rocket Panda Management Presenta

StonerKras Fest 2023 15.07.2023 – Prosek-Prosecco (TRIESTE) –

Lo StonerKras è un raduno di musica psichedelica incentrato su ritmi
stoner, doom e heavy psych. Il festival ha un’impronta internazionale
con lo scopo di valorizzare la scena heavy locale, slovena e italiana,
richiamando spettatori dalla regione ma anche dai paesi confinanti.

!!! ANNUNCIO DELLA PRIMA BAND !!!

– LA MIGLIORE ROCK BAND GRECA DELL’ULTIMO DECENIO –

– RITORNA A TRIESTE DOPO SEI LUNGHI ANNI –

– SHOW ESCLUSIVO PER IL NORD-EST ITALIA/SLOVENIA/CROAZIA IN QUESTA
ESTATE 2023 –

*** 1000MODS ***(punta di diamante della scena stoner rock europea)

La prima band ad essere annunciata sono i greci 1000MODS. I 1000MODS sono ormai da anni al vertice della scena stoner rock
mondiale. La band, composta dal cantante e bassista Dani G, dai chitarristi Giannis S. e Giorgos T. e dal batterista Labros G., suona uno stoner rock classico, con evidenti influenze di gruppi leggendari come i Kyuss, Fu Manchu, Black Sabbath, MC5 ecc.

Nel 2011 hanno pubblicato l’album di debutto ‘Super Van Vacation’, seguito quattro anni dopo dall’album ‘Vultures’. Nel frattempo interminabili tour europei (alcuni durati anche più di due mesi) grazie ai quali hanno raggiunto un pubblico vastissimo. Centinaia di esibizioni dal vivo, che hanno presto dato i suoi frutti. Ma è con l’uscita del terzo album
‘Repeated Exposure to..’. nel 2016, che il gruppo si è finalmente
affermato a livello globale.

Nel 2019 decidono di fermarsi con l’attività live e concentrarsi sulle
registrazioni del nuovo album. Le aspettative per il nuovo disco erano
alte. La band è stata corteggiata costantemente dalle miglior etichette
discografiche europee ma ha deciso di rimanere fedele alla sua politica
indipendente, pubblicando nel 2020 il suo quarto lavoro ‘Youth Of Dissent’ e consacrandosi come una delle migliori realtà stoner rock della scena mondiale.

I 1000MODS si sono esibiti nei migliori festival rock europei, contano
più di 20 milioni di streaming su Spotify, e milioni di visualizzazioni
su YouTube. Ad aprile saranno in tour in Europa, mentre il 15 luglio saranno l’attrazione principale del nostro StonerKras!

!!! ULTERIORI BAND VERRANNO ANNUNCIATE NELLE PROSSIME SETTIMANE !!!

Lo StonerKras aprirà le sue porte nelle prime ore del pomeriggio. Il festival offrirà zone ristoro, mercatini vari, aree relax e molto
altro..

LE PREVENDITE SARANNO ATTIVATE A BREVE

Sei band a Prosecco sabato 25 febbraio (e ci sono anche i Cult croati)

Dalla collaborazione tra l’etichetta discografica Mold Records, l’associazione Never In e il collettivo The Moonlight Society nasce Still We Dark II, secondo capitolo dopo la prima edizione di Halloween 2021.

Evento FB: Still We Dark II Sabato 25 febbraio Prosecco (Trieste)

Una giornata interamente dedicata alla musica dal vivo presso il Kulturni Dom di Prosecco, dove si esibiranno ben sei gruppi e la squadra di dj del Moonlight Society guidati da EleNoir. Le tre realtà artistiche attive in Friuli hanno deciso di organizzare una festa in grande per l’occasione, coinvolgendo band locali e ospiti internazionali, per una giornata di musica che vuole diventare qualcosa di memorabile.

>> Bar aperto dalle 16:00 con djset
>> Inizio concerti 18:00
>> Ingresso 5€

Band:

El Peco & The Freak Show | rock band (TS)
– Dance For Freud | alt rock (TS)
LDV | post punk (UD)
Sun’s Spectrum | dark electro (UD)
Phantasmagoria | dark rock (HR)
Nomotion | southern goth rock (UK/ITA)

> djset by The Moonlight Society

Stoner Klaus, il Winter Party a Prosecco venerdì 9 dicembre!

Dopo il successo estivo della prima edizione del festival StonerKras, Rocket Panda Management in collaborazione con l’Associazione Never In è lieta di presentare un nuovo evento all’insegna del rock psichedelico:

*** StonerKlaus – Winter Party ***

venerdì 9 dicembre 2022 – Kulturni dom Prosek-Kontovel (TS)

Start h. 19- FREE ENTRY

Evento Fbook:

BLACK LUNG (psychedelic doom, USA)

BLACK MAMBA ROCK EXPLOSION (heavy rock’n’roll, ITA)

AFTERPARTY con il collettivo SMASH! (Alternative Nite & Satisfaction CREW)

ROCKET PANDA MANAGEMENT
Facebook
https://www.facebook.com/RocketPandaManagement
Instagram
https://www.instagram.com/rocket_panda_management/

ASSOCIAZIONE NEVER IN
Facebook

https://www.facebook.com/neverin.trieste

STONERKRAS
Facebook

https://www.facebook.com/StonerKrasFest
Instagram
https://www.instagram.com/stonerkrasfest/

MLADINSKI KROŽEK PROSEK-KONTOVEL
Facebook

https://www.facebook.com/mladinski.prosekkontovel
Instagram
https://www.instagram.com/mladinskikrozek_prosekkontovel/

SMASH! (Alternative Nite & Satisfaction CREW) Afterparty DJ set

– – – – – – – –

** DRINKS **
** MERCH STANDS **
** PHOTO GALLERY **
** AFTERPARTY DJ-SET ***

– – – – – – – –

!!! FREE ENTRY !!!