Berlino, inaugurata la nuova Casa della Musica negli spazi del mitico R.A.W.

Ha aperto i battenti la nuova House of Music nell’area del R.A.W., il centro culturale simbolo della Berlino alternativa e già sede di club storici come Astra, Cassiopeia, Badehaus etc.

Sito ufficiale:
House of Music Berlin
https://houseofmusic.berlin/

Ricavata negli spazi di un’ex torneria, la House of Music vuole essere il punto d’incontro delle energie che gravitano intorno alla scena creativa della capitale. Ospita più di 20 sale prova e studi di registrazione, una sala per concerti ‘intimi’ (200 persone), la Jam School, i corsi della BIMM (scuola internazionale dove crescono i futuri maghi della music industry, ndr), un’agenzia per eventi, un centro noleggio di van e, naturalmente, spazi per la ristorazione.

Insieme all’offerta formativa ‘tradizionale’ -chitarra, basso, batteria, canto, songwriting-, sarà attivo anche Music Pool Berlin, centro di consulenza e formazione per musicisti freelance specializzato nella ricerca di produttori.  La nuova struttura ospiterà anche la Noisy Academy di musica elettronica e numerosi corsi di formazione professionale tra cui produzione, management e music business.

Sale espositive per mostre, workshop, conferenze, ed in futuro anche una scuola di fotografia. Il progetto della House of Music rispetta gli standard di impatto ambientale con impianto fotovoltaico e serbatoio per l’acqua piovana, mentre l’insonorizzazione è a cura della Wilson WAX, che ha già curato l’acustica della Deutsche Oper di Berlino. C’è anche la possibilità di prendere degli spazi in affitto, tra gli inquilini c’è MOD Devices, uno dei marchi più conosciuti di strumenti e attrezzature della capitale.

Sleep, Cojones @Kino Šiška, Ljubljana, 18.4.2019

Sold out al Kino Šiška di Ljubljana per gli Sleep, impegnati in un minitour europeo di sei date che si è concluso trionfalmente lo scorso giovedì 18 aprile proprio nella capitale slovena. Tanti i fans dalla Croazia- complice anche la scelta della band d’apertura Cojones, stoner rock di Zagabria- e tanti arrivati anche dall’Austria, dalla Serbia…da notare anche la massiccia presenza triestina, evidentemente in vena di gita fuori porta🌷

Cojones @Kino Šiška, Ljubljana, 18.4.2019, ph. by Sarah Gherbitz

La platea del Kino è sicuramente la prova del fuoco per molte band e i Cojones l’hanno superata a pieni voti. Nel loro sound gli echi di Kyuss, Black Sabbath e Melvins confluiscono in un vero e proprio vero trip sonoro attraverso le dune del deserto californiano, lo stesso da cui sono partiti gli Sleep nell’ormai lontano 1990… considerato che arrivano dalla parte opposta del globo, alza i punti di merito!

Cojones @Kino Šiška, Ljubljana, 18.4.2019, ph. by Sarah Gherbitz

Irsuti e cattivi come grizzly, gli Sleep hanno dominato la scena dalla prima all’ultima nota senza tradire le aspettative, pescando sia da ‘The Sciences’ (2018) che dai brani più datati di ‘Holy Mountain’ (1992), album considerato ancor oggi la pietra miliare dello stoner rock.

Sleep @Kino Šiška, Ljubljana, 18.4.2019, ph by Sarah Gherbitz

Nonostante i suoi gravi problemi di diabete, Matt Pike resiste impavido, affiancato dai sodali Al Cisneros (voce e basso) e Jason Roeder alla batteria. Fresco vincitore del Grammy con gli High Fire, sul palco del Kino si è presentato con arroganza a petto nudo e maniglie dell’amore in bella vista…in perfetto Lemmy’ style!

Matt Pike, Sleep @Kino Šiška, Ljubljana, 18.4.2019, ph. by Sarah Gherbitz

Nonostante qualche piccolo disturbo nella resa acustica -la voce troppo bassa, così come il volume della chitarra-, la band è ancora capace di ipnotizzare tutto il pubblico a suon di riff psichedelici e lisergiche vibrazioni. A tutti quelli che sempre mi chiedono qual è il senso di andare ad un concerto dei Guns N’ Roses a 32 anni di distanza da ‘Appetite’, provo a chiedere: ma voi vi siete divertiti quella sera a Lubiana per gli Sleep? A me sembra proprio di sì…