Archivi tag: Ljubljana

Chelsea Wolfe per la prima volta a Lubiana!

La musa goth del nuovo millennio per la prima volta in Slovenia!Chelsea Wolfe in concerto al Kino Šiška venerdì 15 novembre 2024, per presentare il suo ultimo album ‘She Reaches Out To She Reaches Out To She’, uscito lo scorso febbraio via Loma Vista Recordings. In apertura al Kino la cantautrice e performer synth pop Mary Jane Dunphe!

Evento Facebook: Chelsea Wolfe + Mary Jane Dunphe @ Kino Šiška

Biglietti a partire dalle ore 11 di giovedì 13 giugno qui : Tickets

The Dead Daisies: Dino Jelusick e Spike (Quireboys) in apertura a Lubiana!

Gran fermento in casa The Dead Daisies, dopo il clamoroso annuncio della rentrée di John Corabi alla voce. La band sta festeggiando i dieci anni di attività con il ‘Resurrected Tour’ in cui promuovono il doppio album ‘Best Of‘ uscito lo scorso agosto. Special guest in Europa nientemeno che Spike Gray, che torna finalmente live per quello che è il suo primo tour fuori dai confini britannici dopo lo split con i Quireboys.

Per la data di giovedì 7 dicembre alla Cvetličarna di Lubiana saliranno sul palco anche Jelusick, la nuova band del talentuoso singer Dino (Whitesnake, The Dead Daisies, Animal Drive), che presenteranno il loro debut ‘Follow The Blind Man’ appena uscito per Escape Music.

Evento Facebook: The Dead Daisies @Cvetličarna

Doors: H. 19:00

Biglietti qui: Eventim.si

Oltre a Corabi, The Dead Daisies sono naturalmente David Lowy (chitarra), Doug Aldrich (chitarra), Brian Tichy (batteria) e Michael Devin (basso).

Ville Valo a Lubiana giovedì 11 aprile, Zetra in apertura!

Ville Valo in arrivo a Lubiana! L’ex frontman degli HIM sarà infatti live alla Cvetličarna giovedì 11 aprile per presentare il suo primo album da solista intitolato ‘Neon Noir’ e pubblicato sotto lo pseudonimo VV lo scorso gennaio via Hertagram Records. In apertura ci saranno Zetra, fascinoso duo synth gaze da Londra!

Dirty Skunks Presents:

VV + support Zetra – Cvetličarna

Biglietti in vendita da venerdì 15 settembre su

Moje Karte

On Parole

Blue Öyster Cult @Cvetličarna Media Center, Lubiana, 27.8.2023

Mezza Slovenia -ma anche tanta Austria- hanno sfidato il terribile maltempo di lunedì 28 agosto per vedere i Blue Öyster Cult nella nuova, imponente sala del Cvetličarna Media Center di Lubiana.

Arriviamo a Lubiana sotto una pioggia torrenziale, che dopo essersi sfogata in mattinata sul litorale, nel frattempo si è spostata verso nord inseguendoci fino a destinazione. Nel quartiere di Bezigrad si respira un’aria surreale, neanche un’anima in giro, ed è praticamente a nuoto se per miracolo riusciamo a raggiungere la venue.

All’interno c’è grande attesa per i Blue Öyster che quest’anno tagliano l’importante traguardo dei 50 anni di attività. Un’occasione speciale, resa tale ancor di più dal fatto che la Dirty Skunks è riuscita ad accaparrarseli in un tour esclusivo che, oltre a Lubiana, comprendeva soltanto altre due date, una allo Sweden Rock Festival e l’altra ad un festival nella contea di Nottingham.

Sono le 21 puntuali quando, sotto gli occhi di un parterre ormai gremito, i Blue Öyster attaccano sulle note dei titoli di coda di ‘Blade Runner’ (1982) dell’artista greco Vangelis. E sparano subito due cartucce come ‘The Red &The Black’ e ‘Dr Music’ direttamente dai primi album, caratterizzati dalle iconiche grafiche in stile Escher -in realtà sono opera di Bill Gawlik, autore anche del logo della band- con simboli dell’esoterismo e dell’occulto.

Della formazione storica -nata già nel 1967 a Long Island con il monicker di Soft White Underbelly-, resta il chitarrista Donald Buck Dharma’ Roeser (76 anni), il frontman Eric Bloom (79 anni), a cui ora si affiancano Richie Castellano alla voce, chitarra e tastiere, Danny Miranda al basso e Jules Radino alla batteria. Nel frattempo ci siamo appollaiati nella fighissima gallery -che fa tanto Globe Theatre- e dove si gode davvero una vista spettacolare… toilette open space inclusa!

Certo, resta difficile credere che quelli sul palco, con quell’aria così alla mano e l’outfit da Amici della Bocciofila, siano gli stessi che hanno influenzato band come Maiden e Metallica, e addirittura nutrito gli incubi di scrittori come Stephen King e registi come David Cronenberg.

Su questo gruppo è stato davvero scritto di tutto…cosa si potrebbe aggiungere che non sia già stato detto?? A pensarci bene, forse una cosa c’è: uno dei motivi che mi ha portato ad affrontare la tempesta per vedere i BÖC è che è stata proprio la loro musica a fare da Cupido tra Johanna Sadonis dei Lucifer e Nicke Andersson degli Hellacopters…La bionda Johanna li cita spesso come una delle sue band preferite, e Andersson racconta che proprio ispirandosi a loro ha iniziato a suonare con i Lucifer.

In tutto un’ora e quaranta di concerto, che in scaletta ha visto alternarsi i classici d’ispirazione sci-fi ‘E.T.I.’ e ‘Godzilla’ ai brani più recenti come la ballata aor ‘Tainted Blood’ dall’ultimo ‘The Symbol Remains’ (2020, per concludersi con l’assolone finale di Bloom in apertura a ‘Don’t Fear The Reaper’.

Grande soddisfazione da parte degli organizzatori che hanno così commentato: ‘Bringing back Ljubljana to be a rock capital! I’ve met people from Ireland, people from Sweden, people from Turkey, and people from everywhere in between, coming to see their idols live for what might be one of the last times. Amazing! All the experience was again under the bad influence of the floods, but still it’s a beginning of a new chapter…

Loudness in arrivo a Lubiana sabato 15 aprile

Dopo tre anni di rinvio causa pandemia, arrivano finalmente in Europa i leggendari LOUDNESS. La band giapponese sarà anche in Slovenia, precisamente all’Orto di Lubiana sabato 15 aprile. In tour con loro i tedeschi GREY ATTACK e gli svizzeri THOLA.

Ticket: 22 euro qui https://bit.ly/3yhccmz

Evento Facebook: 15.4. 2023 Loudness, Grey Attack, Thola – Orto Bar

Formatisi a Osaka nel 1981 dal chitarrista Akira Takasaki e dal batterista Munetaka Higuchi, i Loudness si fanno conoscere fuori dal Giappone durante il tour in Nord America ed Europa nel 1983. Nel 1984 sono la prima band giapponese a firmare con un’etichetta discografica internazionale, la Atlantic Records. Prodotto dall’inglese Max Norman (MEGADETH, OZZY), l’album ‘Thunder In The East’ (1985) e il singolo ‘Crazy Nights’ riscuotono un successo globale, raggiungendo la posizione #4 in Giappone e #74 nelle classifiche di Billboard negli Stati Uniti, dove entrano nelle classifiche per 19 settimane. Di supporto ai Mötley Crüe nel 1985, i Loudness raggiungono un altro traguardo, diventando il primo gruppo giapponese a suonare al prestigioso Madison Square Garden di New York.

Il 1986 vede i LOUDNESS raggiungere ulteriori vette di successo internazionale, con l’album ‘Lightning Strikes’ (1986) che debutta al numero 64 delle classifiche di Billboard negli Stati Uniti e il loro tour con Poison e Cinderella. nello stesso anno aprono il tour nordamericano degli AC/DC, e stupiscono le folle del tour britannico dei Saxon come ospiti speciali. Nonostante il continuo successo, dopo l’uscita di ‘Hurricane Eyes’ (1987), il cantante Minoru Niihara lascia la band nel dicembre 1988.

La line-up originale si riforma nel 2000, e la travolgente reazione al loro album ‘Spiritual Canoe’ (2001) dimostra che il marchio unico dei Loudness è valido anche dopo il ventunesimo secolo.

Il gruppo torna sotto i riflettori internazionali fino a quando non viene colpito da una grave perdita nel 2008: la sfortunata scomparsa del batterista originale Munetaka Higuchi. Fedeli allo spirito, i restanti membri decidono di mantenere vivo lo spirito continuando con l’attività, e reclutano il nuovo batterista Masayuki Suzuki.

‘Sunburst’, l’ultimo album dei Loudness uscito in Giappone a dicembre 2021, è stato pubblicato nel luglio 2022 da earMUSIC in tutto il resto del mondo in formato digitale e 2CD.

W.A.S.P.: i dettagli della data di Lubiana

I leggendari W.A.S.P. sono in arrivo a Lubiana per il tour celebrativo dei loro 40 anni di carriera! Un’occasione ghiotta anche per i fans del Friuli Venezia Giulia che potranno vedere la formazione capitanata da Blackie Lawless domenica 14 maggio 2023 sul palco del Kino Šiška.

Evento Facebook: 14.5. W.A.S.P. – 40 years LIVE World Tour, support: Images of Eden – Kino Siska

Ad aprire la serata ci saranno gli Images Of Eden, prog metal da Phoenix (Arizona) che presentano il loro ultimo Ep ‘Wheatered and Torn’ uscito lo scorso autunno per Pavement Music.

I biglietti saranno disponibili su Mojekarte e On-Parole venerdì 27 gennaio 2023 dalle h.10:00.

Lubiana, in arrivo una nuova sala concerti

Molte le novità per l’anno venturo a Lubiana, tra cui anche l’apertura di una nuova sala concerti. Il Media Center Ljubljana, questo il nome della venue, si prepara infatti ad aprire i battenti nell’aprile 2023, così come è stato anticipato via social. ‘Il club Cvetličarna festeggia i suoi primi 20 anni di attività’ -è scritto su Facebook , ‘ed in quest’occasione accanto ad esso sorgerà una nuova sala multifunzionale con una capienza di circa 3000. Cvetličarna non si sposta e rimane dov’è, solo che ora avrà un ‘fratello maggiore’ dove sarà possibile ascoltare band che fino ad ora, a causa della sua minore capacità, non potevano esibirsi’.

Oltre ai concerti, il Media Center ospiterà anche riprese cinematografiche, eventi aziendali, fiere e altro ancora. Insomma, un vero e proprio spazio polifunzionale a nord del centro, nel quartiere che dalla Stazione si estende verso l’Arena Stožice.

Sempre su Facebook, sono stati già annunciati i primi gruppi ospiti del nuovo Media Center. Si tratta dei Rancid, veterani del punk in arrivo sabato 3 giugno 2023 (qui tutte le info). E dagli States arrivano anche i mitici Blue Öyster Cult, che quest’estate saranno in Europa per i cinquant’anni della band con soltanto due date, tra cui, appunto, quella di Lubiana in programma domenica 28 agosto 2023 (info qui).

GBH, Odpisani, Clockwork Psycho @Klub Gromka, Lubiana, 22.10.2022

Sold out al Metelkova di Lubiana, che sabato 22 ottobre ha visto salire sul palco del Gromka i leggendari GBH per la tappa conclusiva del loro minitour europeo. A riportarli nella capitale slovena, dove hanno suonato per la prima volta nell’ormai lontano 1987 al Club degli Studenti, è stata una felice intuizione della Monsterbilly Records, label lubianese specializzata in rockabilly, garage, punk etc. in collaborazione con l’associazione Rafal Crew.

@Klub Gromka, Ljubljana, 22.10.2022

Partenza alla grande con i Clockwork Psycho, local heroes capitanati dalla grintosa Lilith al contrabbasso, molto noti anche nel circuito dei biker festival, dove si esibiscono regolarmente da parecchi anni. E non ha bisogno di molte presentazioni il secondo gruppo, gli sloveni Odpisani, veterani hardcore punk di Murska Sobota, nel corso della loro carriera hanno aperto per The Exploited, Booze & Glory, The Casualties, Propain….impossibile mancare proprio questa sera!

Clockwork Psycho @Klub Gromka, Ljubljana, 22.10.2022

L’attesa per GBH è ormai alle stelle, così come si avverte all’ingresso del club che, nel frattempo, si è riempito di punkers provenienti da Croazia, Serbia, Austria, perfino un paio dall’Israele, tutti in gran spolvero di creste e toppe per l’occasione.

@Klub Gromka, Ljubljana, 22.10.2022

E’ un Gromka ormai bollente quello che accoglie i GBH, in arrivo più carichi che mai dopo le due date consecutive di Belgrado e Zagabria, dove -inutile a dirsi- anche qui i biglietti sono andati velocemente a ruba. ‘Badass’ è il primo aggettivo che mi viene in mente per descrivere il loro show, incentrato soprattutto su ‘City Baby Attacked by Rat’ (1982), album seminale dell’hc punk che tanto peso ha avuto su band come Metallica, Slayer, Anthrax, Sepultura etc.

Una rasoiata di un’ora e venti, con pezzi degli esordi come ‘Sick Boy’ e ‘Wardogs’ piuttosto che da ‘Momentum’, l’ultimo album che risale a cinque anni fa. Rabbia e disagio trasudano dalla voce inconfondibile di Colin Abrahall, 61 anni il prossimo 5 dicembre, il luciferino frontman a cui fanno buona compagnia Colin ‘Jock’ Blyth alla chitarra, Ross Lomas al basso e Scott Preece alle pelli.

@Klub Gromka, Ljubljana, 22.10.2022

Sotto il palco, un groviglio di corpi salta e balla in preda ad una sorta di eccitazione liberatoria che diventa sempre più difficile da trovare…nell’aria si respira lo stesso odore che c’era al The Crown, lo storico pub di Birmingham dove hanno esordito nei primi anni Ottanta. Gran finale con ‘Liquid Paradise’ e ‘Bomber’ dei Motörhead, e sommo disappunto del pubblico che sembra averci appena preso gusto e vorrebbe andare avanti ancora per chissà quanto…Punk Is Not Dead!!!

Igorrr, Otto Von Schirach, Neuromancer @Kino Šiška, Ljubljana, 3.5.2022

Serata fuoco & fiamme martedì 3 maggio al Kino Šiška di Lubiana per lo show di Igorrr che, previsto inizialmente nell’aprile 2020, a causa della pandemia è stato rimandato prima al febbraio 2021 e poi allo scorso dicembre. Il sudato recupero è andato così finalmente ad aggiungersi al già fittissimo cartellone di Dirty Skunks, l’associazione che dal 2012 porta nella capitale slovena il meglio della scena scena metalhc punk.

Igorrr @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz

Ad aprire è il duo sloveno Neuromancer, cui tocca l’onere di suonare darksynth con il sole ancora alto, immagino per consentire agli spettatori di presentarsi in ufficio la mattina successiva in condizioni accettabili. Ma su di loro ahimé non posso dire niente, visto il mio rocambolesco arrivo a Lubiana con oltre due ore di ritardo sulla tabella di marcia a causa di un incidente che ha bloccato l’autostrada.

Raggiungo quindi il Kino di corsa, giusto in tempo per assistere alla danza dello sciamano Otto von Schirach, producer di Miami che si presenta sul palco bardato come un Venom dei tempi d’oro. La sua performance è così diretta e trascinante, che nell’arco di poco tempo riesce a conquistare la Katedrala trasformandola in un dance floor infuocato a cui mancano soltanto un paio di cubiste sospese in gabbia a mezz’aria (io la butto lì, chissà che Otto non raccolga….:-)

Otto von Schirach @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz

Piccola pausa per curiosare un attimo al banco del merch, e subito tocca ad Igorrr, collettivo che al suo interno riunisce diversi musicisti provenienti da esperienze diverse nel metal, nell’elettronica, nella lirica e nel balkan. Nato nell’ormai lontano 2006, Igorrr oggi è considerato un vero e proprio nome di culto che anche in questo tour ha visto il tutto esaurito in numerose tappe tra cui Milano, Berlino e Vienna.

Igorrr @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz

A dominare la scena è la presenza femminile, una soprano classica entrata da poco nel gruppo, coinvolto negli ultimi mesi da un significativo riassetto di lineup. Aphrodite Patoulidou, questo è il suo nome, non tradisce le aspettative e si dimostra perfettamente all’altezza del suo ruolo, sfoderando doti da consumata attrice.

Igorrr @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz
Igorrr @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz

Insieme a lei ci sono le altre due new entry, alla voce JB le Bail, già conosciuto come cantante dei francesi Svart Crown, e Martyn Clement alla chitarra. A tenere le fila di questo variopinto carrozzone, dietro alla consolle, c’è Gautier Serre, fondatore e mente creativa del progetto Igorrr, che come maggiori fonti d’ispirazione cita Meshuggah, Chopin, Cannibal Corpse, Bach, Domenico Scarlatti e Taraf de Haidouks.

Igorrr @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz

Teschi, trucco granguignolesco ed un gioco di luci degno del Lollapalooza contribuiscono a rendere lo spettacolo di Igorrr un coloratissimo burlesque show che non lascia tanto spazio alla verifica della scaletta e/o della resa sonora. Quindici comunque in tutto i brani, tratti perlopiù da ‘Savage Sinusoid’ (2017) e ‘Spirituality & Distortion’ (2020), al termine dei quali la band viene invocata in massa fino a riapparire per l’ultimo, trionfale encore.

Igorrr @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz

Una sorta di danza finale liberatoria quella di Igorrr, che rende serate come questa il premio a dir poco meritato dopo una lunga, interminabile attesa durata più di due anni. Ma le iniziative targate Dirty Skunks non finiscono ovviamente qui: tantissimi sono gli appuntamenti in programma fino alla fine dell’anno, tra cui segnaliamo quello di sabato 19 novembre che vedrà salire sul palco del Kino Šiška l’eccellente tripletta composta da Ministry, The 69 Eyes e Wednesday 13: per chi fosse interessato, meglio organizzarsi con un certo anticipo! 😉

Igorrr @Kino Šiška, Lubiana, 3.5.2022, ph. by Sarah Gherbitz